Back

Storia

LE RADICI

I fratelli Adriano e Otello Campion, proseguono la tradizione di “lavoratori del ferro” ereditata dal padre Dino Campion (carpentiere e maniscalco) e precedentemente dal nonno Fortunato Campion (maniscalco).

Nella bottega del fabbro Dino, producono… tutto quello che si può fare con il ferro...
 

 

 1964
Il sindaco di Fratta Polesine, chiede all’amico fabbro Dino, di costruire i pali per l’illuminazione del viale della stazione del paese, così la ditta CAMPION DINO E FIGLI realizza i primi pali.

Di questi pali, dismessi nel 2004, ne custodiamo un esemplare, esposto presso il nostro stabilimento.
 

 

 1972
Visti i buoni risultati ottenuti con i pali, viene deciso di investire in tale attività. Nasce così OFFICINE F.LLI CAMPION SRL, con soci al 50% i 2 fratelli Adriano e Otello, in via De Gasperi zona industriale a Fratta Polesine, attuale sede dell’azienda.
Viene acquisito un appezzamento di terreno e fabbricato un capannone con annessa abitazione.
L’ organico è di 10 dipendenti.
La principale attività riguarda la produzione di pali per illuminazione in acciaio rastremati ricavati da tronchi di tubo saldati tra loro.
 

 

 Anni ‘80
Vengono fatti importanti investimenti per la fabbricazione di pali conici da lamiera saldata.
Viene acquistata la pressa per la piegatura delle lamiere (13 metri di lunghezza in unico pezzo, unica in Italia), e una cesoia studiata appositamente per il taglio dei trapezi.
Le macchine per la saldatura, la raddrizzatura e la finitura del palo vengono interamente ideate e realizzate all’interno dell’azienda.
Con gli stessi impianti vengono realizzati anche i primi pali a sezione poligonale.
Il volume di affari è di circa 1 500 000 € , con un organico medio di 50 dipendenti.
 

 

 Anni ‘90
Inizia l’ingresso in azienda dei figli di Adriano e Otello, in ordine cronologico di anzianità aziendale: Antonella Katia, Emanuela, Erika, Mirko, Annalisa, Eleonora.
Inizia un processo di adeguamento dell’azienda alle dimensioni raggiunte. Si passa da un approccio tipicamente artigianale, ad un sistema di gestione industriale, anche con l’aiuto di criteri internazionali in conformità alla norma sul sistema qualità ISO9001.
Viene costituito un ufficio tecnico interno dedicato alla progettazione delle strutture fabbricate.
Vengono sviluppati nuovi prodotti come le torri a corona mobile.
Il volume di affari è di circa 5 000 000€, con un organico medio di 70 dipendenti
 

 

 2000 - 2005     
Vengono fatti importanti investimenti per il miglioramento, l’automazione e il potenziamento della produzione.
• linea dedicata per il taglio dei trapezi dei pali poligonali
• pressa dedicata per la piegatura dei pali poligonali
• saldatura automatica longitudinale per pali monguscio con diametro fino a 500 mm
• seconda linea di saldatura longitudinale per pali conici a sezione circolare
• impianto automatico per l’assemblaggio e la saldatura longitudinale di pali a 2 gusci con diametro fino a 1100 mm
• trave per la saldatura longitudinale di grandi diametri fino a 1700 mm in 2/3 gusci
• linea di saldatura automatica dei pali rastremati fino a 5 saldature circonferenziali contemporanee
• automazione pressa piegatura poligonali con sistema movimentazione trapezi, tracciatura linee di piega e posizionamento con lettura ottica, sistema estrazione palo piegato e catenaria per trasporto fino all’impianto di saldatura
• sistema robotizzato per taglio portelle
• impianto automatico per il taglio delle piastre di base
L’azienda ottiene un importante riconoscimento alla propria struttura organizzativa, risultando finalista al premio “Qualità Italia”.
L’azienda ottiene la certificazione CE per i pali di illuminazione secondo la norma EN40.
Il volume di affari si aggira intorno a 10 000 000 €, con un organico medio di 70 dipendenti
 

 

 2006 - 2010
Si continua ad investire in tecnologie per il miglioramento dei propri prodotti e impianti.
L’azienda intraprende un approccio al mercato dei pali decorativi per l’arredo urbano, pubblicando sul mercato una catalogo dedicato denominato “iPaliarredo”.
Viene realizzato un impianto per la fabbricazione di pali conici da lamiera con conicità 14 mm/m, ottenendo così un profilo slanciato particolarmente adatto per utilizzi di arredo urbano e design, oltre che con caratteristiche strutturali superiori e allo stesso tempo più leggero con minor impiego di materiale.
Il volume di affari è arrivato a 18 000 000 €, 75% in Italia e 25% estero, con un organico di 100 dipendenti.
 

 

 2011-2012
Tra il 2011 e il 2012 si è perfezionata una operazione societaria propedeutica al passaggio generazionale in corso. “Officine F.lli Campion s.r.l.” diventa la holding di famiglia e viene rinominata in “HFC spa Holding Famiglia Campion”, conferendo il proprio ramo d’azienda relativo all’attività dei pali, nella società di nuova costituzione “Pali Campion s.r.l.” posseduta al 100% da “HFC spa”. 
L’azienda ottiene la certificazione quale centro di trasformazione autorizzato secondo D.M. 14-01-2008 (Testo Unico Costruzioni).
L’azienda ottiene la certificazione di sistema qualità in saldatura secondo UNI EN ISO 3834. 
Nonostante la crisi Italiana e Internazionale, Pali campion S.r.l. è riuscita sostanzialmente a stabilizzare i propri risultati. Il volume di affari è di circa 17.000.000 di euro con un organico medio di 90 dipendenti.
 

 

 2013
Viene fatto un importante investimento per l'ampliamento dello spazio disponibile, mediante l’acquisizione di un appezzamento di terreno limitrofo allo stabilimento.
L’azienda ottiene la certificazione CE per le strutture di carpenteria  secondo la norma EN1090.
Il volume di affari è rimasto stabile a circa 17.000.000 di euro, ma con un diverso mix tra Italia e Estero, diminuendo la quota Italia (65%) e aumentando la quota export (35%). 
 

 

 2014
L’azienda festeggia il 50° anniversario
 

 

 2015
Pali Campion diventa il primo costruttore a livello nazionale. Il volume di affari raggiunge un nuovo picco sfiorando i 20.000.000 di euro.
 

 

 2016
Si continua ad investire per il miglioramento degli impianti. Viene implementata la quinta linea di saldatura longitudinale, con un nuovo impianto utilizzabile sia per pali poligonale sia per pali conici. La storica pressa degli anni 80 è sottoposta a completo revamping, ottenendo miglioramenti sostanziali nella qualità dei pali conici prodotti. Vengono completamente riconfigurati i piazzali esterni razionalizzando le vie di passaggio e lo stoccaggio dei semilavorati e dei prodotti finiti. Inizia un processo profondo di ristrutturazione e miglioramento dei luoghi di lavoro.
 

 

 2017
L’azienda ottiene la certificazione ISO14001 per il sistema di gestione ambientale e la certificazione OHSAS 18001 per la salute e la sicurezza dei lavoratori.